4 Pollini e meteo a Monza dal 20/02/2020 al 27/02/2020. - Quando è utile misurare il FeNO?

Pollini

Le concentrazioni di polline di Nocciolo e di Ontano permangono elevate e potranno, favorite dalle temperature in rialzo, diventare molto elevate nel fine settimana. Sta iniziando la fioritura del Pioppo. Il polline di questa pianta, presente peraltro in bassa quantità, è ritenuto scarsamente allergenico. Sono segnalati aumento della concentrazione di polline di Cipresso e di Olmo. Elevate concentrazioni di polline di Frassino possono essere presenti nel parco di Monza.

Meteo

Il cielo si manterrà sereno o poco nuvoloso almeno sino a mercoledì prossimo. Le temperature minime si avvicineranno allo zero, le massime sono previste in lieve flessione con valori compresi tra i 14 e i 17°C.

 

Quando è utile misurare il FeNO?

La misurazione dell’ossido di azoto nel respiro del paziente ci informa del livello di infiammazione del polmone (vedi post n 3). Il FeNO deve essere misurato:

  • in fase diagnostica, alla prima visita, per concorrere alla diagnosi di asma allergico.
  • Successivamente, stabilita la diagnosi di asma allergica o eosinofila, la misurazione del FeNO è utile per monitorare il grado di infiammazione del polmone nel periodo di allergia.
  • Per verificare se il quantitativo di steroide (cortisone) assunto per via inalatoria è sufficiente a controllare l’infiammazione del polmone.
  • Tutte le volte che la terapia non sembra controllare i sintomi.

 

NON TUTTI RICORDANO CHE …

I pollini e la polvere di casa causano sintomi di raffreddore solo nei soggetti allergici?

Non tutti i pollini sono capaci di indurre allergia in tutte le persone, ma tutti i pollini sono degli irritanti, quindi l’esposizione ad alte concentrazioni di polline possono far starnutire anche persone non allergiche. Lo stesso si può verificare in presenza di alte concentrazioni di polvere. A tutti è capitato di starnutire sfogliando un libro impolverato riposto in uno scaffale da molto tempo.

 

Quali sono le allergie che si possono trattare con il vaccino?

 

I vaccini più diffusi sono quelli per inalanti.

L’indicazione è la rinite persistente o grave da pollini, acari della polvere di casa, peli di animali, muffe. La terapia specifica ha comunque una influenza su congiuntivite ed asma riducendone i sintomi. Molti studi sono concordi nell’affermare che il vaccino effettuato per la rinite prevenga lo svilupparsi dell’asma.

Oltre ai vaccini per inalanti ci sono vaccini per l'allergia alle punture di imenotteri (api e vespe) e Nichel mentre non esistono, attualmente, in commercio, vaccini per l'allergia alimentare.

 

Attenzione

Vi ricordo che la terapia antiallergica è una terapia globale: si consiglia di seguire le indicazioni che si trovano a questo link.